Come parlare di denaro ai bambini

Secondo uno studio statunitense sulla pianificazione e il progresso del 2014, la maggioranza dei genitori preferirebbe parlare ai propri figli di morte o sesso piuttosto che di soldi.

Il denaro infatti è un argomento tabù o comunque ancora molto temuto per molti genitori. Perché temono che i figli facciano domande alle quali non sono disposti a rispondere, o magari non sanno come rispondere.

Ovviamente, come per tutte le cose, ignorare la naturale curiosità dei bambini su un argomento così importante, non significa eliminarla. Sarebbe più opportuno parlarne apertamente, utilizzando un linguaggio semplice e adeguato, perché solo in questo modo possiamo insegnare ai nostri figli a comprendere uno strumento così importante e a trasmettere loro i nostri valori finanziari.


Ecco alcuni suggerimenti utili per parlare di denaro ai bambini.


  • Quando un bambino viene da te con domande personali sui soldi, non dare per scontato di sapere perché lo chiede. Come genitore, dovresti sempre rispondere prima con "Perché me lo chiedi?" in modo da capire cosa c'è alla base: una semplice preoccupazione? Oppure ha parlato di denaro con altri bambini e la cosa lo ha incuriosito? O magari gli interessa l'argomento e vuole saperne di più? Tra l'altro, rispondere con una domanda è anche un'ottima tattica di stallo mentre pensi a come rispondere!


  • Un altro suggerimento è quello di non limitarti a snocciolare risposte: motivale. I bambini hanno bisogno di ragionare per capire e rielaborare. Quindi coinvolgi i tuoi figli nell'esplorazione di questi argomenti: puoi insegargli come gestire i soldi che riceve come paghetta e come mancia, in regalo per i compleanni ecc. Potete confrontarvi su diverse opzioni e trovare insieme delle regole per la gestione del loro piccolo budget.


  • Quando i bambini fanno domande sul denaro, è importante dire sempre la verità. Attenzione: questo non significa svelare ogni dettaglio o mostrargli il conto in banca! Ma mentire deliberatamente o dipingere un quadro diverso dalla realtà nella speranza di indorare la pillola, alla lunga farà solo danni maggiori. Non solo in termini della loro "salute finanziaria" ma anche per quanto riguarda la fiducia che ripongono in te come genitore.


  • Infine, ma non meno importante, cerca di fornire un contesto chiaro in modo che abbiano tutte le informazioni necessarie per capire ed essere responsabili nella gestione dei soldi (che si tratti di soldi loro o della famiglia). I figli devono capire che, se lasciano le luci accese, la conseguenza sarà una bolletta più alta, oltre alla questione ambientale. Devono capire che i soldi spesi nelle app o nei giochi online sono reali, e non virtuali. Insomma, è necessario che abbiano tutte le informazioni per poter essere responsabili nella gestione del denaro.


Il tuo ruolo come genitore è fornire un contesto chiaro nel rispetto dell'individualità di ciascuno dei tuoi figli. I bambini infatti troveranno modi diversi di approcciarsi al denaro in base ai tuoi insegnamenti e al loro temperamento individuale. Alcuni saranno naturalmente più parsimoniosi (come dei piccoli Scrooge) e altri saranno naturalmente più imprenditoriali, e altri ancora saranno più generosi. Ricorda: l'obiettivo non è quello di imporre necessariamente la tua visione, ma di farli imparare in un ambiente sicuro e protetto.


Cosa fare se in passato ho commesso degli errori di cui mi vergogno?


Come genitore ammettere di aver commesso un errore è difficile. Ammettere un errore finanziario può esserlo ancora di più.

Forse hai avuto dei problemi con le carte di credito, oppure hai fatto un investimento rischioso in passato? O magari ti sei fidato delle persone sbagliate o hai prestato soldi a qualcuno che non te li ha restituiti? Qualunque sia l'errore, mostrare a tuo figlio che hai imparato dalle tue esperienze, gli insegnerà ad essere resiliente e che si impara dagli errori. Come genitori non dobbiamo sentirci perfetti e infallibili, perché non lo siamo. Nessuno lo è.

Quello che possiamo dirti noi è che i bambini, se opportunamente stimolati e indirizzati, capiscono molto più di quanto crediamo e molto più velocemente. Così noi abbiamo deciso di leggere il nostro libro "Missione Possibile. Come la gestione consapevole del denaro ha cambiato la nostra vita e può cambiare anche la tua" insieme al nostro figlio maggiore, Alessandro, che ai tempi aveva 9 anni.

A differenza degli altri libri che legge in autonomia, abbiamo scelto di leggere questo insieme la sera, prima di dormire.

Così se aveva domande in merito potevamo rispondere subito. I risultati sono stati ottimi: la lettura lo ha completamente assorbito ed è stato felice di scoprire cose che non aveva modo di sapere, perché erano accadute prima della sua nascita o quando era molto piccolo. Si è sentito partecipe e incluso nella vita finanziaria della famiglia. Ha compreso e assimilato molto bene alcuni concetti, in particolar modo l'importanza di pianificare e risparmiare per cercare di farsi trovare pronti di fronte agli imprevisti della vita.



Approfondimento



Clicca sul link qui sotto per ascoltare l'episodio del podcast:

contiene un sistema per la gestione del denaro per i bambini, il 70-20-10

https://open.spotify.com/episode/29T5WFn2HVEK882ygTedWX?si=JncRobAkRgGLBKUZccARiw




Discussione

2 commenti