3. Mantieni bassi i costi fissi e abbassa l'indebitamento (contiene registrazione webinar "Risparmiare con la surroga")

Mantieni bassi i costi fissi

Più costi fissi hai, meno flessibile sei. È semplice.

Mantieni bassa la rata del mutuo, dell'auto, non pagare a rate le vacanze o la televisione. Hai già una rata del mutuo che ti soffoca? Perché non provare a rinegoziarlo o a ottenere una surroga? Analizza con attenzione i tuoi costi e valuta cosa puoi eliminare o ridurre e ricorda: non sprecare soldi in uno stile di vita sovradimensionato. Molto spesso si comprano cose di cui non si ha veramente bisogno, alla ricerca di gratificazione istantanea o di apprezzamento. Non funziona: non sarà una bella macchina a portarti il rispetto e l'ammirazione che desideri ricevere. Sappiamo bene che può sembrare difficile e che le tentazioni sono forti, ma come abbiamo scritto nel libro "paga subito o paga prima". Se non puoi permettertelo, non dovresti comprarlo.

Alcune raccomandazioni utili:

  • fai un'analisi periodica delle bollette delle utenze
  • analizza periodicamente le spese bancarie e i sistemi di pagamento che utilizzi (cerca di ottimizzare scegliendo conti correnti con spese basse o a zero spese, carte di credito che offrono le condizioni migliori ed eventualmente anche cashback).


Abbassa l'indebitamento

Molto spesso si pensa che la soluzione sia guadagnare di più. In realtà lavorare di più per guadagnare di più potrebbe non essere la soluzione. Invece abbassare l'indebitamento sicuramente lo è, sempre e comunque. Abbassare l'indebitamento di fatto equivale a guadagnare di più, nel senso che significa avere più soldi in tasca.

La cosa più sensata da fare è ripagare il debito ad alto tasso di interesse (come ad esempio il debito da carte revolving) prima di effettuare investimenti che possono avere un valore inferiore o superiore ma con ritorno incerto.




Registrazione della diretta Facebook con un Mediatore Creditizio - o Consulente del credito - non vincolato ad alcun istituto bancario. Insieme, abbiamo risposto a domande come:

✅ meglio il tasso fisso o variabile quando si stipula un mutuo?

✅ le polizze assicurative sono obbligatorie alla stipula?

✅ c'è una banca migliore delle altre?

✅ perché surrogare e come farlo?

e molto altro ancora! Buona visione!




Ha senso contrarre un debito per investire?

Si tratta di una domande che ci viene posta molto più spesso di quanto pensi. Ad esempio: "se i tassi dei prestiti sono bassi e posso ipotizzare un x% di guadagno da rendite finanziarie, ha senso chiedere un prestito/mutuo/finanziamento per investire quei soldi?".

La risposta è: assolutamente e categoricamente no. In nessun caso, nemmeno se si tratta di un'occasione unica e irripetibile. Perché?

Perché l'esito dell'investimento è incerto, ma la rata da ripagare è certa. Così come sono certi gli interessi!

Inoltre, i tassi dei prestiti personali, mutui a parte, sono tutt'altro che bassi.

Vedi, l'interesse non dorme mai. Non prende giorni di ferie o riposo. Non chiude per decreto a causa del lockdown. Non si ammala e non va in vacanza. L'interesse c'è e continua a lavorare. E come funziona in attivo (se sfrutti la capitalizzazione composta), lavora benissimo anche al negativo, continuando a crescere.

Non dovresti spendere i soldi prima di guadagnarli, figurati investirli!

È opportuno ribadire che stiamo parlando di finanza personale, e non aziendale, che ha ovviamente obiettivi e dinamiche diversi. In un contesto aziendale le cose sono diverse e può aver senso contrarre debiti per finanziare acquisto di macchinari, migliorare processi, fare investimenti anche immobiliari.



Discussione

0 commenti